Mario Celso nei ricordi di Massimo Bandera

Iniziai ad occuparmi di bonsai all’età 11 anni e ben presto mi resi conto come questo fosse il cammino più adatto a me. Nella non breve carriera ho avuto modo di girare il mondo e conoscere molte persone e, al contempo, apprezzare quei familiari che hanno avuto una grande influenza su di me. Io ne ho avuti, tutti grandissimi!

Mio zio Mario Celso era un uomo si straordinario genio, questo è riconosciuto da tutti, io però lo appresi in una occasione particolare. Tra le tecniche bonsai primeggia la legatura a filo di rame o alluminio per modellare le forme degli alberi e creare così opere mirabili. Oggi, per questo scopo, si importano dal Giappone fili di qualità altissima, che negli anni ottanta non si trovavano facilmente. Io mi arrangiavo con il filo per uso elettrico: eravamo gli albori del bonsaismo italiano.

Mario mi disse un giorno che in azienda aveva degli scarti di filo che venivano gettati nei cassoni del metallo riciclato e che avrei potuto prendere ciò che mi serviva. Le bobine, mi spiegava, venivano fatte con un pezzo di filo intero senza legamenti e ciò le rendeva di altissima qualità, ma procurava un certo volume di scarti. 

Un pomeriggio dei primi anni ottanta, tornato da scuola, andai in IREM che allora era ancora a Sant'Antonino e con zio Mario andai nel retro dove si trovavano alcuni cassoni pieni di rottami divisi per tipo di metallo, rame, alluminio, ferro, ecc. Mi fermai con lui davanti a quello del rame ed iniziammo a scegliere il filo componendo piccole matasse delle misure utili per i miei bonsai. In IREM il rame ha sempre avuto un ruolo fondamentale per cui probabilmente questi sprechi non piacevano a Mario, anche se erano i tempi in cui la qualità faceva la differenza. Mentre trafficavamo si fermò di scatto e con il suo fare sincero mi disse: “Ah, vedi, guarda qui! Che spreco!! Io mi sarei già messo ad inventare qualche apparecchiatura per usare questi scarti che invece oggi si buttano via!”. 

Mi chiedo quale grande insegnamento ci sia per noi in quella frase, e soprattutto quanto sia contemporanea! Era un grande!

 

 

* Massimo Bandera è un esperto e noto bonsaista, Cavaliere del Santo Sepolcro di Gerusalemme, cittadino di Sant’Antonino - www.massimobandera.it

  • Un ricordo di Mario Celso, di Benvenuto Gamba


    Sono nato a Torino nel 1943, nel pieno della seconda guerra mondiale, da una famiglia borghese. Mio padre era funzionario di banca e la vita in città, in quegli anni, era difficile anche per famiglie come la mia. Non era facile reperire il cibo. Nei primi anni della guerra ricevevamo uova, formaggi, frutta e verdura da un contadino che conduceva una tenuta agricola di nostra proprietà, ma con il proseguire della guerra non gli fu più possibile raggiungere la città. Fu così che conobbi l’olio e lo zucchero solo dopo la fine del conflitto.

    Leggi tutto
  • Un ricordo di Mario Celso, di Claudio Saracco


    Sono nato a Torino il 31 luglio 1940 dove ho frequentato il Liceo Classico Cavour. Mi sono poi laureato in Economia e Commercio.

    Dopo il servizio militare ho deciso che avrei fatto il commercialista, e così è stato.

    Leggi tutto
  • Un ricordo di Mario Celso, di Renato Maria Chieli


    Sono nato a Torino il 1 luglio del 1948. Mi sono laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Torino nel 1974 e, benché nessuno della mia famiglia avesse un lavoro in qualche modo attinente alla professione che poi ho intrapreso, ho scelto di fare il commercialista.

    Leggi tutto
  • Il Valore di Uomo, di Pio Gioberto


    Il valore di Uomo si esprime a partire dai piccoli e concreti gesti di ogni giorno. E Mario Celso è stato un Grande Uomo cominciando dal suo agire quotidiano.
    Il mio ricordo su Mario Celso risale al 1976, anno del mio ingresso in IREM, in qualità di responsabile dell'officina meccanica di Chiusa San Michele.

     All'epoca l'officina era in gestione alla IREM su un accordo verbale tra Mario Celso e il Sig. Dario Cantore, proprietario dell'officina stessa.

    Leggi tutto
  • Conoscere, restarne affascinati e non poter dimenticare Mario Celso, di Maria Taddei


    Signori buonasera,
    lo sono stata una delle poche persone fortunate che ha potuto raccogliere una parte delle ultime testimonianze del Sig.Celso, sono ben lieta quindi di parlare in questa occasione dei ricordi che mi legano a lui. A questi ricordi ho voluto dare un titolo: Conoscere, restarne affascinati e non poter dimenticare Mario Celso.

    Leggi tutto
  • Saluto di Paola Comolli – Presidente Unitre di Sant’Antonino di Susa

    Concerto “Omaggio a Mario Celso”  - Chiesa Parrocchiale - 3 marzo 2017 

    Buona sera e grazie per aver aderito così numerosi alla proposta dell’Università della Terza Età e della Società Filarmonica di Sant’Antonino: un Concerto in onore di Mario Celso in occasione del centenario dalla nascita. Un Concerto di musica classica e bandistica perché il sig. Celso amava la musica classica, studiò musica, si cimentò nel suonare l’organo; amava la banda musicale del suo paese e la moglie, la sig.ra Bruna Bandera, accettò di diventare la madrina di bandiera in occasione della sua rifondazione avvenuta 40 anni or sono.

    Leggi tutto
  • Mario Celso nei ricordi di Massimo Bandera

    Iniziai ad occuparmi di bonsai all’età 11 anni e ben presto mi resi conto come questo fosse il cammino più adatto a me. Nella non breve carriera ho avuto modo di girare il mondo e conoscere molte persone e, al contempo, apprezzare quei familiari che hanno avuto una grande influenza su di me. Io ne ho avuti, tutti grandissimi!

    Leggi tutto

Rassegna Stampa

Rassegna stampa:

LUNA NUOVA
Mario Celso: un ricordo in musica per i suoi 100 anni (file .pdf - 557 kb)

L'AGENDA NEWS
A Sant'Antonino un omaggio a Marcio Celso (link)

LA VALSUSA
Musica per i 100 anni dell' "Oscar" Mario Celso (file .pdf - 1,7 Mb)

LA GAZZETTA DEL PIEMONTE
Da Torino a Hollywood (file .pdf - 822 kb)

LA REPUBBLICA
Un Oscar a Celso (file .pdf - 2,4 Mb)

LA STAMPA
Mario Celso premiato insieme con Salvatores (file .pdf - 5 Mb)

LUNA NUOVA
L’Oscar a Celso (file .pdf - 5 Mb)

LUNA NUOVA
Un Oscar per il raddrizzatore (file .pdf - 2,6 Mb)

LUNA NUOVA
Il giorno di Mario Celso (file .pdf - 2,5 Mb)

START
A Los Angeles, il Cinema premia l’Industria (file .pdf - 2,8 Mb)

TUTTO SCIENZE
Cinema e tecnologia “Oscar” a un italiano (file .pdf - 3,5 Mb)

LA BIBLIOTECA DI SEGUSIUM
Uomini e temi del Novecento valsusino (file .pdf - 2,6 Mb)

LA VALSUSA
La Centrale Enel dedicata a Mario Celso (file .pdf - 1,6 Mb)

LUNA NUOVA
La centrale Enel Green Power porterà il nome di Mario Celso (file .pdf - 419 Kb)

LUNA NUOVA
La scuola di musica intitolata al fondatore dell'IREM (file .pdf - 884 Kb)

LA VALSUSA
La scuola di musica dedicata a Mario Celso (file .pdf 762 kb)

LA VALSUSA
Porte aperte alla IREM, l'Unitre ricorda Mario Celso (file .pdf 379 kb)

LUNA NUOVA
Mario Celso, nato per il cinema (file .pdf 841 kb)

LA VALSUSA
Ricordato Mario Celso, premio Oscar per l'ingegno (file .pdf 705 kb)

LUNA NUOVA
S. Antonino, una via per Mario Celso (file .pdf 964 kb)

LA VALSUSA
Ecco "via Mario Celso" (file .pdf 906 kb)